Efficienza energetica, imprese chiedono di stabilizzare incentivi

L'Italia, soprattutto nelle grandi città, ha un patrimonio edilizio costruito in gran parte nel Dopoguerra con materiali oggi obsoleti, che per l'80% avrebbe bisogno di ristrutturazioni. Per questo serve "un grande piano nazionale di investimenti nel settore dell'efficientamento energetico" basato su incentivi stabili nel tempo. È la proposta di Daniele Vaccarino, presidente nazionale della Cna, la confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa, rilanciata durante la quattordicesima edizione di Klimahouse, fiera internazionale sull'edilizia sostenibile in corso a Bolzano.

 

"Ogni anno dobbiamo come Cna battagliare durante la formazione della Legge di bilancio per riuscire a inserirli mentre dovrebbero diventare una normalità. Credito d'imposta significherebbe semplicemente che quella parte che viene risparmiata viene immediatamente data nelle casse dell'impresa attraverso un istituto bancario il quale a sua volta si farà pagare i dieci anni dallo Stato".

 

Una proposta, non a caso, rilanciata dall'Alto Adige, un territorio all'avanguardia su questo tema sia in termini di produzione di materiali sia in termini culturali, che beneficia della spinta delle stessa Klimahouse. Claudio Corrarati, vice presidente di Fiera Bolzano: "C'è un'affluenza molto importante, da noi sicuramente aspettata, ma che sta andando un po' oltre le previsioni. Questo sta a significare che c'è nuovamente una grande attenzione, al di là di 14 anni di questa fiera, a un tema che sempre più sta diventando un'esigenza e non solo un'opportunità o un business".

 

D'altra parte, secondo Cna, anche nel resto del Paese l'80% della popolazione è convinto della necessità di intervenire sulla propria abitazione o di risparmiare energia, ma solo il 15% si attiva con gesti concreti in questa direzione. 

  DIVENTA BUSINESS PARTNER FINANZA ENERGIA
Diventa Business Partner
Finanzaenergia

Perchè diventare
Business Partner
Finanzaenergia

  • Per partecipare allo sviluppo certo del nuovo mercato della finanza energetica
  • Per aumentare il fatturato
  • Per aumentare i clienti profittevoli
  • Per migliorare l'ambiente
  • Per migliorare la qualità della vita e del lavoro
  • Per ridurre il costo del lavoro