Detrazioni fiscali per efficienza energetica e ristrutturazioni: le norme in vigore nel 2019

Da martedì 1° gennaio 2019, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge di Bilancio 2019, la 145/del 2018, c’è stata la proroga di un anno delle agevolazioni fiscali nell’edilizia: fino 31 dicembre 2019 per i vari bonus in vigore.

 

Resta invece per ora accantonato il proposito, peraltro espresso da esponenti del governo, di una stabilizzazione pluriennale di alcune di queste misure, in particolare l’Ecobonus per l’efficienza energetica, e giace nei cassetti del ministero anche il decreto attuativo della legge di Bilancio 2018, che avrebbe dovuto riformare le detrazioni per l’efficienza energetica, rimodulandole e introducendo dei massimali nuovi di spesa per intervento.

 

Le voci di corridoio parlano di uno scarso entusiasmo dei vertici del MiSE per i due provvedimenti citati: la stabilizzazione, oltre a porre problemi di bilancio, secondo le analisi dei tecnici non darebbe sufficienti ricadute positive sul breve periodo, mentre il decreto con i massimali, messo in stand by anche perché ci si è limitati a una proroga di un anno, potrebbe scontentare diversi soggetti.

 

Vediamo dunque le misure che sono in vigore per il 2019.

 

Ecobonus per la riqualificazione energetica dei singoli edifici

 

Le detrazioni Irpef sono da ripartire in 10 rate annuali di pari importo e coprono il 65% delle spese sostenute per lavori sulle singole unità immobiliari volti a ridurre il fabbisogno energetico per il riscaldamento, migliorare l’isolamento termico dell’edificio, installare pannelli solari per produrre acqua calda, sostituire impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione, sostituire scaldacqua tradizionali con scaldacqua in pompa di calore.

 

Ricordiamo che l’ecobonus è ridotto al 50% per alcuni tipi di intervento: acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi, acquisto e posa in opera di schermature solari, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione almeno in classe A o con generatori alimentati da biomasse combustibili.

 

Invece il bonus del 65% continua a essere applicato alle caldaie a condensazione in classe A dotate di sistemi evoluti di termoregolazione.

 

Estesa al 31 dicembre 2019 anche l’agevolazione del 65% per l’acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con apparecchi ibridi (pompa di calore integrata con caldaia a condensazione) e per l’acquisto e la posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

 

Ecobonus per i condomini

 

Per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari che compongono l’edificio, il bonus del 65% (ridotto al 50% per finestre/infissi, schermature solari e caldaie in classe A senza sistemi evoluti di termoregolazione), sale al 70-75% quando la riqualificazione consente di raggiungere determinati indici di prestazione energetica.

 

Queste maggiori detrazioni vanno calcolate su un ammontare complessivo fino a 40.000 euro da moltiplicare per il numero delle unità immobiliari.

 

Il bonus aumenta all’80-85% se i lavori permettono anche di ridurre la classe di rischio sismico dell’edificio, con un limite massimo di spesa di 136.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari.

 

Tutte queste detrazioni coprono le spese effettuate fino al 31 dicembre 2021.

 

Cessione del credito

 

Ricordiamo che, collegata allo sgravio fiscale, c’è la possibilità di cedere il credito corrispondente alla società che esegue i lavori. Tale possibilità vale sia per gli interventi effettuati sulla parti comuni degli edifici condominiali, sia per quelli effettuati sulle singole abitazioni.

 

Bonus per le ristrutturazioni edilizie

 

La detrazione fiscale è del 50% fino a una spesa massima di 96.000 euro per singola unità immobiliare. Riguarda una serie di interventi, tra cui la manutenzione ordinaria (ma solo sulle parti a uso comune degli edifici) e straordinaria, il restauro e risanamento conservativo, opere finalizzate a ottenere risparmi energetici, installazione di fonti rinnovabili (tra cui pannelli fotovoltaici e batterie), bonifica dell’amianto.

  DIVENTA BUSINESS PARTNER FINANZA ENERGIA
Diventa Business Partner
Finanzaenergia

Perchè diventare
Business Partner
Finanzaenergia

  • Per partecipare allo sviluppo certo del nuovo mercato della finanza energetica
  • Per aumentare il fatturato
  • Per aumentare i clienti profittevoli
  • Per migliorare l'ambiente
  • Per migliorare la qualità della vita e del lavoro
  • Per ridurre il costo del lavoro